Angry face
content top

Metti una sera a cena a Casale di Carinola

di Susy Lieto e Enzo Falco   <<Ho una “creatura” che viene dal Vesuvio…>> <<E come la “curiamo”?>> <<…serve uno “scarpariello”!>> << .. e come si fa?>> <<Con l’amore di un poeta della cucina!…ci vuole un tetto .. chi lo può mettere a disposizione?>> La risposta è Tony Rossetti nell’azienda di...

I profumi del bosco a Teano

di Enzo Falco   Non c’è niente da fare è un’attrazione fatale… Appena iniziano, a fine agosto le prime piogge, e poi di nuovo il sole e si avvicina l’autunno scatta qualcosa d indicibile… l’odore del bosco, i funghi, le castagne. E l’idea di quel profumo inebriante s’insinua nella mente e devo assolutamente andare a Teano, Al Vecchio Mulino, nella nuova e...

Koinè soul food ristorante, i sapori dell’anima

di Enzo Falco Koinè è la lingua comune che gli antichi greci portavano nelle terre del mondo conosciuto, come linguaggio comune e condiviso per tutte le colonie. Col tempo Koinè è diventato sinonimo di unione, di affinità, di comunità, di aggregazione come valore positivo di condivisione finalizzata al miglioramento della qualità e delle condizioni di vita. Il ristorante è la...

Ischia, mia cara Ischia

di Enzo Falco   E’ la domenica immediatamente successiva a ferragosto e quasi la metà degli ombrelloni dei lidi che stanno sulla spiaggia dei Maronti sono chiusi. Un segnale di non affollamento l’avevo già avuto sull’aliscafo che da Napoli mi ha portato, questo weekend, in questa splendida isola del Golfo di Napoli. Ma si sa, da questi semplici e parziali segnali, è...

Un luogo dell’anima.. la torre di Ro

di Enzo Falco L’appuntamento è alle 18,00, fuori la Porta grande del Parco del Bosco di Capodimonte. “Devo farti vedere un posto incantevole; ha un’energia straordinaria”. Puntuale come un orologio svizzero alle 18,00 sono fuori la Porta grande. Lei arriva un pò in ritardo ma un venticello fresco e il rilassante verde degli alberi del bosco ha reso gradevole l’attesa, mentre...

Il miglior cibo italiano in un luogo solo Eataly

Se sei a Roma non puoi non fare un salto in un tempio dell’enogastronomia italiana.. che, anche all’estero, porta i grandi valori e le straordinarie memorie del cibo italiano e di quello che una volta si identificava nell’“italian style”. E’ la nostra forza, è il patrimonio che tutti ci invidiano e che, ahinoi!, nessuno è mai riuscito a valorizzare adeguatamente mettendolo...

Su filo dei ricordi…

di Susy Lieto e Enzo Falco   Si dice che l’appetito vien mangiando. Ma questo non è sempre vero: in alcuni casi l’appetito vien ricordando. Ricordare antichi sapori, richiamati alla mente da episodi che ti riportano agli anni dell’infanzia quando alcune pietanze venivano considerate “cibo da grandi”. Ce ne sono alcune che ci siamo rifiutati con assoluta determinazione di...

Se il tema è la cipolla…

di Enzo Falco   Cipolla/luminosa ampolla,/petalo su petalo/s’è formata la tua bellezza …. racconta il poeta, uno dei più grandi, Pablo Neruda. La sua “Ode alla cipolla” è un atto d’amore a questo straordinario ortaggio che suscita sempre amore e odio; o la si ama alla follia o la si odia.. (chissà perchè?). Io, insieme ad un altro illustre antico poeta, Marziale,...

I luoghi dell’anima: il Manouche a Puccianiello di Caserta

di Enzo Falco   Delle 21 piccole frazioni di Caserta si conoscono benissimo il bellissimo borgo di Caserta Vecchia, quello straordinario di San Leucio, quello della vicina Vaccheria. Pochi conoscono le altre 18: Briano, Casola, Casolla, Centurano, Falciano, Garzano, Mezzano, Parco Cerasola, Pozzovetere, Puccianiello, Sala, San Benedetto, San Clemente, Santa Barbara, Sommana,...

Palazzo Lanza, Ex Libris, un “luogo dell’anima”….

di Enzo Falco   Nella vita ci capita di tutto, anche di ritrovare, degradati, luoghi che hanno segnato momenti bellissimi della nostra vita essendo stati essi stessi, un tempo, dei luoghi fantastici. Per fortuna nel degrado generale ne rimangono alcuni che mi piace definire “i luoghi dell’anima”. Uno di questi è sicuramente il Palazzo Lanza di Capua, palazzo...

Tra Woody Allen e il tonno rosso c’è di mezzo il More…

di Enzo Falco   Nel film Manhattan un interlocutore di Woody Allen gli propone, con un esercizio di alta filosofia, quali sono le due domande fondamentali che ogni essere umano dovrebbe porsi quando si alza la mattina: “da dove veniamo?” e “dove siamo diretti?”. Allen gli risponde con una terza domanda “Cosa c’è da mangiare stasera?”. Ovviamente queste cose non...

I cenoni ai tempi della crisi

di Enzo Falco   Uno spettro si aggira per l’Europa. La crisi economica sta attraversando tutti i settori, anche quello enogastronomico. In Italia si parla di una contrazione delle spese di consumo di circa il 30%, nel comparto alimentare siamo a meno 18%. Certo, è il segno di una difficoltà vera degli italiani, soprattutto i ceti medi e bassi. Ma come spesso succede in questi...

Nelle terre di gomorra ci sono germogli che portano buoni frutti

di Enzo Falco La NCO non rievoca vecchie sigle che hanno lasciato segni di sangue dovunque alla fine degli anni ’80, gli anni in cui imperava ‘o professore vesuviano, ma è l’acronimo di Nuova Cucina Organizzata, ristorante, pizzeria, taverna che si trova in terra di gomorra, a San Cipriano d’Aversa. Certo territorio di gomorra, ma anche territorio di resistenza, di riscatto, di...

‘O baccalà…. e ‘o stocco…

di Enzo Falco   « “Pesce Veloce del Baltico” dice il menù, che contorno ha? “Torta di mais” e poi servono polenta e baccalà cucina povera e umile fatta d’ingenuità caduta nel gorgo perfido della celebrità » (Paolo Conte, Pesce veloce del Baltico)   Mai prodotto nordico è stato più mediterraneo. Diciamo subito che tre sono i miei punti di...

Alici e fichi bianchi sono i veri simboli del Cilento

di Enzo Falco   Mancavo da più di dieci anni dal Cilento. Chiariamo subito: non ci sono ritornato per effetto di “Benvenuti al Sud”, vero tormentone estivo, visto che Castellabate è stata invasa da turisti in cerca dell’Ufficio postale piuttosto che dal luogo dove ha dormito Bisio o Siani, o addirittura alla ricerca dell’omino del “postamat”. Ci sono tornato perchè...